Home news
News dal mondo del vino - Go Wine
Il Bardolino Chiaretto e il formaggio Monte Veronese protagonisti nelle Osterie di Verona Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 21 Aprile 2010 15:09

Un bicchier di vino, una scaglia di formaggio, una chiacchiera con gli amici, magari una partita a carte: sono gli ingredienti tipici dell’osteria, luogo d’aggregazione per eccellenza del centro storico di Verona. Dal 16 al 25 aprile due delle eccellenze dell’agroalimentare della provincia scaligera, il Bardolino Chiaretto doc e il formaggio Monte Veronese dop, invitano a riscoprire il piacere di trascorrere un momento di relax nelle tipiche osterie veronesi, unite in un circuito di dieci locali contraddistinti dalla proposta del classico vino rosato del Garda veronese e del tipicissimo formaggio della Lessinia.
“Chiaretto e Monte Veronese in Osteria” è il titolo della rassegna con la quale i Consorzi di tutela del Bardolino e del Monte Veronese propongono ai veronesi e ai turisti di incontrare le osterie Al Bersagliere (in via Dietro Pallone), Al Duomo (in via Duomo), Alla Corte (in piazzetta Ottolini), Bottega del Vino (in via Scudo di Francia), Carducci (in via Carducci), Carroarmato (in vicolo Gatto), Le Petarine (in vicolo San Mamaso), Monte Baldo (in via Rosa), Sottoriva 23 (in via Sottoriva), Zampieri La Mandorla (in via Alberto Mario), compiendo una specie di passeggiata alla ricerca di alcuni degli angoli più suggestivi della Verona Antica.
Quasi sulle tracce di quel cantore delle osterie veronesi che fu Hans Barth: fu lui che definì Verona la “grande osteria dei popoli”, invitando il lettore – era il 1921 e il suo libro, la “Guida spirituale delle osterie italiane da Verona a Capri” usciva con la prefazione di D’Annunzio – a “pellegrinare dall’una all’altra cappelletta”, con l’osteria vista come un sacro tempietto. Paragone per nulla sacrilego, perché a Verona, come diceva Paolo Monelli, “gli osti si sentono sacerdoti di una idea”, quella del buon bere e della compagnia. Custodi degli ultimi luoghi nei quali i vecchi giocano alle carte accanto ai ragazzi che flirtano. Come ai tempi di Berto Barbarani, il poeta dei veronesi, che corteggiava la sua Nina “sentàdi a l’osto”, seduti all’osteria.
In ognuna delle dieci osterie sarà possibile trovare almeno quattro o cinque diverse proposte di Chiaretto, il vino gardesano che sta riscuotendo da un paio d’anni un crescente e straordinario successo di critica e di pubblico (+60% nelle vendite nell’ultimo triennio) e un gustoso assaggio di formaggio Monte Veronese. E ad ogni tappa sarà possibile ricevere anche una cartolina personalizzata che riproduce le immagini scattate dal fotografo trevigiano Renato Vettorato: una serie di foto d’autore da collezionare per riscoprire le luci dell’osteria tipica di Verona.

Ufficio Stampa - Paola Giagulli - cell 338 4812496 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 
TerroirVino Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 21 Aprile 2010 07:15

Lunedì 7 Giugno 2010 ritorna a Genova TerroirVino (www.terroirvino.it), il meeting annuale organizzato da TigullioVino.it, sito d’informazione enogastronomica online da aprile 2000.
Dopo due anni trascorsi a Palazzo Ducale, la manifestazione si sposta nella zona congressuale del Porto Antico di Genova, i Magazzini del Cotone, spazi ritenuti più idonei per ospitare un evento che ha ormai assunto anche nelle dimensioni, rilievo nazionale.
Saranno circa 150 i produttori personalmente presenti alla manifestazione, con oltre 600 vini ed oli in degustazione, selezionati dalla Commissione degustatrice di TigullioVino.it per questa Sesta Edizione dove in via del tutto eccezionale, per un giorno, sarà anche possibile acquistare a prezzo sorgente (il prezzo normalmente riservato agli operatori) anche per gli appassionati.
L’incontro tra il vino, le persone e il web è il claim della manifestazione: le migliori aziende testate dal 2000 ad oggi dalla commissione di TigullioVino.it con le novità 2009/2010 relative ai vini e agli oli più fruibili per bevibilità, qualità e prezzo; l'incontro con le persone che attraverso i loro vini e la loro storia regalano emozioni e fanno cultura del territorio; un momento di verifica, reale e tangibile, tra la nostra struttura, il pubblico e gli addetti ai lavori.
 
Vinix Unplugged Unconference e gli altri eventi satellite
Nel vasto panorama delle manifestazioni dedicate al vino, Terroir Vino si distingue da sempre per la capacità di catalizzare l’attenzione della maggior parte dei protagonisti della comunicazione enogastronomica della rete, caratteristica che dal 2009 trova ulteriore slancio in uno specifico momento d’incontro tra mondo della comunicazione e della produzione il giorno precedente l’evento (domenica 6 Giugno), sempre ai Magazzini del Cotone.  Si tratta di Vinix Unplugged l’open unconference sui temi del vino, del cibo e dell’interazione online nata da Vinix, l’omonimo social network di settore.
A questo momento di scambio e confronto, informale nei modi ma di grande interesse per il livello degli interventi, parteciperanno esperti di comunicazione e marketing, blogger, produttori di vino, commercianti e chiunque voglia condividere contenuti e idee interessanti in una giornata di grande convivialità ma a numero chiuso, accessibile quindi solo su prenotazione.

Oltre a Vinix Unplugged, quest’anno TerroirVino ospiterà:

- il primo Garage Wines Contest italiano, un concorso per vignaioli dilettanti che dopo le preselezioni a cura di TigullioVino tra aprile e maggio, vedrà la proclamazione del vincitore a Villa Spinola a cura di una commissione mista di esperti e appassionati. Il vincitore avrà in omaggio uno stand gratuito a TerroirVino dove avrà l’onore e l’onere di presentarsi insieme ai produttori professionisti.

-Baratto Wine Day, che si terrà lunedì, in concomitanza con TerroirVino, durante il quale sarà possibile barattare vini acquistati alla manifestazione (a prezzo sorgente!) o portati da casa attraverso le semplici regole che potrete trovare sul sito: http://www.terroirvino.it

Modalità d'ingresso, orari e costi
L’appuntamento per Terroir Vino è lunedì 7 Giugno 2010, dalle ore 10.00 per gli operatori la stampa e i blogger (un’ora prima rispetto alle precedenti edizioni) e dalle ore 14.30 per il pubblico. La manifestazione chiuderà intorno alle ore 20.00.
· Dalle ore 10.00 alle ore 14.30, accesso riservato a stampa, blogger ed operatori con invito o preaccredito;
· Dopo le ore 14.30, apertura della manifestazione anche al pubblico
· Ingresso Terroir Vino : 20,00 € (comprensivi di calice da degustazione Riedel)

Tutti i dettagli su espositori, alloggi, logistica, parcheggi di questa Sesta ampliata Edizione :
www.terroirvino.it 

 

 
Cibus 2010, a Parma dal 10 al 13 maggio Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 16 Aprile 2010 12:36

Tra le tante novità di Cibus 2010, che si svolgerà a Parma dal 10 al 13 maggio, c'è questa prima edizione del "fuori salone": una serie di spazi espositivi dislocati nelle vie e nelle piazze di Parma, in cui alcune aziende espositrici in fiera presenteranno a cittadini e turisti i loro prodotti, con dimostrazioni, degustazioni ed animazioni.
"CibusInCittà" partirà con due giorni di anticipo sulla manifestazione fieristica e si snoderà  quindi da sabato 8 maggio a giovedì 13 maggio 2010.
Gli stand e gli eventi di CibusInCittà sono organizzati da Barilla, Acqua Plose, Consorzio Panificatori Parma, Eismann, Berkel, Festival del Prosciutto di Parma, Grandi Pastai Italiani, Loacker, Enìa, Parmacotto, Fipe/Confcommercio, DeGustibus, Cna (la lista non è completa perché altre importanti adesioni sono in corso di formalizzazione). La manifestazione è stata resa possibile grazie alla collaborazione con tutte le istituzioni del territorio, primo fra tutti il Comune di Parma, che ha concesso gratuitamente l'uso di vie e piazze cittadine.
Davvero ricco e sfizioso il programma, tra le proposte segnaliamo in Piazza Garibaldi, a cura di Barilla,  la "Valle degli Amici del Mulino" con programmi di intrattenimento rivolti ai bambini e "Mani in Pasta" con la scoperta degli ingredienti nel Teatro scientifico.
Parmacotto prenderà parte al "fuori salone" con iniziative che coinvolgeranno e animeranno tutta via Farini, una delle vie protagoniste della vita nel centro storico di Parma, e proprio qui , tra le diverse iniziative, Parmacotto organizzerà degustazioni di salumi, presso la Salumeria Rosi Parmacotto – Sorelle Picchi, storica trattoria cittadina.
In Piazza della Steccata, dove a cura di Acqua Plose, è prevista la degustazione dei nuovi succhi di frutta naturali e biologici, sarà presente anche lo stand, curato dal Consorzio Panificatori di Parma, dove tutti i giorni sarà possibile degustare il pane appena sfornato ed una speciale pagnotta "Pane Cibus": il ricavato delle offerte raccolte tra i visitatori di questo evento sarà devoluto a favore del reparto di Oncoematologia pediatrica dell'Ospedale di Parma.  
L'evento, che da quest'anno vede anche il coinvolgimento di Fiere di Parma, al fianco degli attori storici della manifestazione, verrà presentato con momenti di accoglienza e degustazioni guidate presso l'ottocentesco Circolo di Lettura.
In Piazzale Borri si svolgerà domenica 9 maggio una performance molto particolare: i Grandi Pastai Italiani si sfideranno, cucinando lo gnocco più grande del mondo per dare la scalata al Guinness dei Primati; tutto sotto l'occhio vigile dei giudici del Guinness, che potranno poi degustare, insieme a tutti i visitatori presenti, una porzione di gnocchi conditi in diverse varianti.
In piazzale Cesare Battisti, all'angolo Loacker offre l'opportunità di degustare la sua nuova linea di prodotti di Pasticceria: i visitatori, grazie ad una postazione computerizzata, potranno partecipare in diretta al concorso "Vinci la Dolcezza".
Sabato 8 e Domenica 9 presso la Sala Borsa della Camera di Commercio in via Verdi  e nell'antistante piazzale un grande happening promosso da Fipe/Confcommercio, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, in collaborazione con la Camera di Commercio di Parma: "Cibus da strada", kermesse di street-food tipico italiano, tornato alla ribalta negli ultimi tempi, ma da sempre presente nella cultura gastronomica nazionale. Il cibo dei mercati, cioè quello che si trovava sui banchi: le frattaglie, il pane con la milza, il lampredotto, i cartocci di fritto, le frittelle, le focacce ed il cibo dei giorni di mercato, come la trippa, i bolliti, le acquecotte, la pappa al pomodoro. Golosità oggi rivisitate e rese fruibili anche per un "food to go".

 
Riparte LagoVagando Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 13 Aprile 2010 12:24

Domenica 25 aprile riparte LagoVagando, la fortunata iniziativa di promozione del territorio intorno al Lago di Viverone e dei suoi prodotti tipici.
L’iniziativa, promossa dall’Enoteca Regionale della Serra in collaborazione con i comuni di Piverone, Roppolo e Viverone, con le Pro Loco di Piverone e Viverone, con la Comunità Collinare “Intorno al Lago” e con la Società di Navigazione e alcuni bar e ristori del lungolago, si arricchisce nell’edizione 2010 della proposta “LagoVagando… di sera”, che consentirà ai visitatori di esplorare le meraviglie naturali del Lago di Viverone al tramonto, per poi immergersi nella movida serale dei locali del lungolago.

Il programma “LagoVagando… di giorno”, in calendario l’ultima domenica del mese da aprile a ottobre, prevede, come l’anno passato, una formula completa che permette di trascorrere una piacevolissima giornata sul lago e sulla Serra.
Si parte in battello alle ore 11.00 dal molo di Viverone per giungere al Lido di Anzasco, nel Comune di Piverone, presso il quale si tiene il Mercatino dell’antiquariato e del collezionismo.
Alle 13.00 si riparte in battello per la visita guidata alla scoperta delle meraviglie del lago. Sul battello sarà inoltre servito il pranzo/degustazione a base di frittura di pesce di lago curato dalla Pescheria Carolina di Anzasco in abbinamento all’Erbaluce di Caluso doc, prodotto sulla Serra e proposto dall’Enoteca Regionale.
Alle 14.00 è previsto il ritorno al molo di Viverone, dove sarà possibile percorrere la bellissima passeggiata del lungolago e degustare un caffè o un buon gelato, presso i bar che hanno aderito all’iniziativa, riconoscibili dalla locandina del LagoVagando.
A partire dalle 15.00 i visitatori potranno raggiungere il Castello di Roppolo per visitare la splendida dimora storica che presenta gli arredi ottocenteschi magnificamente conservati e scoprirne storia e leggende. La visita guidata termina con la discesa, attraverso la scala a chiocciola della torre, nelle cantine del castello che ospitano in esposizione e vendita oltre 250 etichette dell’Alto Piemonte e della Valle d’Aosta e con la degustazione di un grande vino del territorio.

Il programma alternativo “LagoVagando… di sera”, in calendario nelle stesse date da maggio a settembre, prevede di partire dalle 15.30 alle 17.30 con la visita guidata del Castello di Roppolo e delle cantine dell’Enoteca Regionale della Serra, degustando un ottimo vino del territorio.
Alle 19.00 si parte in battello dal molo di Viverone per giungere ad Anzasco, nel comune di Piverone, e visitare il lido. Alle 19.40 si riparte in battello per la visita guidata alla scoperta delle meraviglie naturali del lago al tramonto. Sul battello sarà inoltre servita la cena/degustazione a base di frittura di pesce di lago in abbinamento all’Erbaluce di Caluso doc della Serra.
Alle 20.30 è previsto il ritorno al molo di Viverone, dove sarà possibile fare una romantica passeggiata con consumazione sul lungolago, tra i numerosi locali e gli intrattenimenti musicali.

Un punto di forza del LagoVagando rimane il prezzo: 19 Euro che includono tutte le proposte del programma diurno oppure serale. Per bambini che non effettuano le degustazioni la giornata è gratuita.
I posti disponibili per ogni appuntamento sono 50 ed è consigliata la prenotazione, da effettuarsi presso l’Enoteca Regionale della Serra: Tel. 0161 987520 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 

 
101 Vini da bere almeno una volta nella vita Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 13 Aprile 2010 12:15

101 Vini da bere almeno una volta nella vita spendendo molto poco” è il titolo del nuovo libro curato da Luciano Pignataro che verrà presentato a Roma il prossimo 21 aprile all'Hotel Hilton.
Si tratta di un essenziale compendio di centouno etichette provenienti solo da una viticoltura sana e dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, adatte alla creazione di una cantina ideale e rappresentativa dei territori rurali e delle diverse varietà dei vitigni, patrimonio nazionale prezioso ed inestimabile.
Centouno indirizzi per scoprire le nuove sentinelle del gusto e dell’ambiente, spesso fuori dai riflettori mediatici. Una miniera di informazioni e una piacevole lettura ricca di sorprese per chi pensa di sapere già tutto sul vino.

Da non perdere una amabile chiacchierata con Luciano Pignataro durante la degustazione guidata di 9 etichette appositamente selezionate dal suo Libro.

Fiano di Avellino – Ciro Picariello
Catarratto Placido Rizzotto – Centopassi
Colli Orientali del Friuli Pinot Bianco – Petrussa
Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo Rosa-ae – Torre dei Beati
Vino Nobile di Montepulciano – Crociani
Barbaresco La Casa in Collina – Terre da Vino
Valtellina Superiore Grumello Rocca De Piro Riserva – Ar.Pe.Pe.
Aglianico del Vulture Terra dei Fuochi – Carbone
Custoza La Valle del Re Passito – Villa Medici

Al termine della degustazione sarà possibile acquistare il Libro ad un prezzo agevolato.

 

 
<< Inizio < Prec. 61 62 63 64 65 66 67 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Tutte le news




































































































Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.