Home news News
News dal mondo del vino - Go Wine
DiVinNosiola, nella Valle dei Laghi Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 22 Marzo 2010 11:50

Tutto pronto per l'edizione 2010 della manifestazione "DiVinNosiola" in programma dal 30 marzo al 25 aprile 2010 nella Valle dei Laghi del Trentino.

È il vino della rinascita, che supera la stagionalità e si trasforma in qualcosa di magico, decisamente esclusivo. Due modi, due stili diversi di vinificazione, medesimo il vitigno: Nosiola. Unica e determinante la zona d’elezione: la Valle dei Laghi. Questo vino riesce a conciliare mmediatezza, fragranza, semplicità di beva con una gamma di aromi e sentori altrettanto contrapposti: diventa suadente, pastoso, passionale, longevo e pure... santo. Merito di un sincero radicamento con la cultura enoica del territorio dove nasce. Terra, acqua e vento: elementi insostituibili per il Nosiola.
L’Ora del Garda, la brezza indispensabile, decisiva, per far appassire i grappoli e trasformarli in chicchi pregni di dolci naturali essenze del gusto; inoltre la sincera esperienza vitivinicola di quanti sulle colline circondate da laghi, tra il Garda e le Dolomiti di Brenta, curano queste viti.

Ecco perché il Nosiola suscita magiche emozioni che nelle settimane della Pasqua 2010 diventano
DiVinNosiola. Una serie di eventi e spettacoli unici ed esclusivi, di carattere culturale ed  enogastronomico, vi aspettano nella Valle dei Laghi, in Trentino.

Prenotazioni e informazioni:
 
Azienda per il Turismo                                                                   
Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi
                                    
Via Manci 2 – 38100 Trento                                                                          
Tel. 0461 216000                                                                                            
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.                                                
www.apt.trento.it                                                                              
 
Comitato per la promozione culturale, sociale
ed economica della Valle dei Laghi

Tel. 0461 864400
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.valledeilaghiturismo.it

 
Anteprima Bardolino e Chiaretto Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 05 Marzo 2010 15:07

È lo splendido, storico edificio della Dogana Veneta, affacciato sul porticciolo di Lazise, sulla sponda veronese del lago di Garda, ad ospitare domenica 7 marzo, dalle 10 alle 18, l’anteprima dell’annata 2009 del Bardolino e del Chiaretto, i classici vini della riviera gardesana e del suo entroterra.
Settanta aziende, più di centoventi vini in libera degustazione, pressoché equamente divisi fra il rosso Bardolino e il Chiaretto rosato, entrambi protagonisti di una vera e propria rinascita: in barba alla crisi economica globale, nel 2009 i vini della doc del Bardolino hanno registrato lo scorso anno un nuovo record di vendite.
A servire i vini ai visitatori (l’ingresso è gratuito) saranno gli stessi produttori, affiancati dai sommelier Ais. Alcune aziende offriranno al pubblico anche la possibilità di una degustazione comparativa fra le annate 2008 e 2009. Previsto anche uno spazio food, con assaggi di piatti (il risotto all'isolana) e prodotti tipici della provincia di Verona, in primis il formaggio Monte Veronese dop.
 “Alcuni dei vini in degustazione – spiega il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasihanno già iniziato la loro vita in bottiglia da dicembre, altri saranno invece imbottigliati solo nell’imminenza del Vinitaly, verso fine marzo. Gli uni e gli altri sono tuttavia perfettamente in grado di regalare quella succosa fragranza fruttata e quella piacevole speziatura che caratterizzano il Bardolino e il Chiaretto”. L’iniziativa, organizzata dal Consorzio di tutela del Bardolino, si avvale del supporto del Comune di Lazise e della Provincia di Verona - Assessore politiche per l’agricoltura.

 
Sicilia en primeur 2010 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 05 Marzo 2010 14:40

Più vini en primeur che si potranno degustare. È questa la principale novità di “Sicilia en primeur” la manifestazione, giunta alla settima edizione, dedicata all’enologia che si terrà dal 4 al 7 marzo in provincia di Agrigento, territorio dallo straordinario patrimonio culturale e naturale, nel “Rocco Forte Verdura Golf & Spa Resort” di Sciacca.

L’intera giornata di sabato 6 marzo, infatti, sarà infatti dedicata, oltre che alla valutazione alla cieca della vendemmia 2009, alla presentazione dei vini che entreranno in commercio nel 2010. Per la prima volta, quindi, i produttori faranno degustare in anteprima alla stampa ospite anche i vini delle precedenti annate pronti adesso per essere immessi sul mercato.
Organizzata da Assovini Sicilia, l’associazione che riunisce le più importanti realtà vinicole dell’Isola, “Sicilia en primeur” è l’appuntamento internazionale di punta per scoprire in anteprima  le novità dell’enologia siciliana. L’evento, itinerante perché ogni anno si svolge in una diversa area dell’Isola, è unico nel suo genere in Sicilia e consente di mettere a diretto contatto le aziende protagoniste della vitivinicoltura regionale con la stampa nazionale e internazionale più qualificata e attenta alle novità, abbinando la degustazione in anteprima dell’ultima vendemmia e delle nuove etichette alle visite ai diversi terroir della regione in modo da facilitare la comprensione dell’unicità e del livello qualitativo dei vini che si stanno presentando.

Il giorno precedente le degustazioni sono invece previsti tour nei principali territori di produzione per far conoscere sempre di più la Sicilia dove le caratteristiche ambientali sono estremamente diversificate e ricche di proposte enologiche assai differenti. Si passa infatti da spiagge magnifiche e vigneti a ridosso del mare, fino a vette innevate e filari a 1.000 metri di altitudine. Ma i tour servono anche a far riscoprire anno dopo anno le innumerevoli bellezze e risorse del territorio isolano. Perché il vino è  il miglior ambasciatore nel mondo della Sicilia di qualità e volano di sviluppo per tutta l’economia dell’Isola. In compagnia dei produttori i giornalisti visiteranno le cantine, ma innanzitutto saranno guidati a scoprire le particolarità delle diverse zone produttive.
Nuova anche l’articolazione della domenica. Ci si sposterà a Sciacca, nell’ex convento San Francesco per la conferenza conclusiva della manifestazione nel corso della quale sarà dato ampio spazio alle domande dei giornalisti ai produttori.

Ecco nel dettaglio il programma della manifestazione:

Giovedì 4 marzo
Arrivo dei partecipanti agli aeroporti di Catania, Trapani e Palermo. Sistemazione nelle strutture d’accoglienza. Cena sul posto, o nelle immediate vicinanze, con i produttori.

Venerdì 5 marzo

Tour in diverse zone della Sicilia.
Provincia di Trapani: Fazio Wines, Firriato, Caruso & Minini, Cantine Rallo. Provincia di Palermo: Disisa, Cusumano, Baglio di Pianetto, Centopassi , Rapitalà.
Terre Sicane: Donnafugata, Planeta, Feudo Arancio, Barbera, Settesoli. Centro Sicilia: Masseria del Feudo,Tasca d’Almerita,Grottarossa Vini, Feudo Montoni, Viticultori Associati di Canicattì.
Provincia di Agrigento e Caltanissetta Est: Feudi del Pisciotto, Feudo Principi di Butera, Baglio del Cristo di Campobello, D’Alessandro.
Zona del Cerasuolo di Vittoria: Terre di Giurfo, COS, Valle dell’Acate, Santa Tresa.
Provincia di Siracusa: Zisola, Pupillo, Marabino.
Etna: Cottanera, Tenute di Fessina, Graci, Benanti.
Al termine dei tour tutti i giornalisti si trasferiranno al Rocco Forte Verdura golf & spa resort di Sciacca. Registrazione e consegna del materiale, cena e pernottamento presso il Resort.

Sabato 6 marzo
Ore 9,30-ore 16.30 - Rocco Forte Verdura Golf & Spa Resort
Degustazione, riservata ai giornalisti e con le aziende partecipanti, dei vini che entreranno in commercio nell’anno 2010.
Per i giornalisti che lo desiderano, degustazione alla cieca, non guidata, di una selezione dei vini della vendemmia 2009 rappresentativi dei diversi territori produttivi della Sicilia.
Ore 12.00-15.00
Colazione a buffet
Ore 21.00
"Gala Dinner" presso il Resort
 Domenica 7 marzo - Sciacca, Ex Convento San Francesco
Ore 10.00
Conferenza conclusiva la manifestazione con i giornalisti che porranno domande ai produttori partecipanti a Sicilia en primeur. Modera il presidente di Assovini Diego Planeta.
Ore 13.00
Colazione a buffet
Ore 15.00
Rientro alle proprie sedi.

 
Recioto e Suevi: tutto l’oro del Soave Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 05 Marzo 2010 09:36

Sarà un omaggio all’arrivo della primavera e alla luce dorata del primo sole di marzo quello che avrà luogo venerdì 12 marzo a partire dalle 18.00 alla Loggia di Fra Giocondo, Palazzo della Provincia di Verona, dal titolo “Recioto e Suevi: tutto l’oro del Soave”.

Si tratta di un vero e proprio banco d’assaggio dedicato al Recioto di Soave, primo vino veneto ad aver ottenuto la Docg nel 1998, e già cantato da Cassiodoro, ministro di Re Teodorico quale “vino così profumato che pareva nato da gigli”. Tutti i soci del Consorzio che producono Recioto di Soave – una sessantina – hanno aderito all’evento che porterà il prezioso nettare nel cuore storico della città di Verona. Un evento raffinato a partire dalla cornice in cui si svolgerà – la storica Loggia di Fra’ Giocondo – e Piazza dei Signori. Quello del 12 marzo – appuntamento aperto al pubblico - sarà un incontro tra storiche eccellenze dal momento che il nettare di Soave verrà abbinato al Suevi, il raffinato biscotto proposto la Lorenzo Simeoni che si è rifatto ad un antica ricetta, “cara a principi e cardinali” che oggi come allora conferisce a questi preziosi e raffinati biscotti un inconfondibile aroma di rosa, risultato di un equilibrato gioco di ingredienti ed essenze, che si accompagna perfettamente alla rotondità del Recioto di Soave.

I Suevi, preparati per l’occasione da Gianni Tomasi, mastro pasticcere di Verona, è un dolce peccato di gola che si rifà alla scuola culinaria di Maestro Martino, grande cuoco del ‘400, definito il principe dei cuochi, che aveva lavorato per papi, cardinali e mecenati veneti. A raccontare il viaggio nel gusto e nel passato storico di questa delizia per l’occasione è stata invitata Federica Fanizza, direttrice della biblioteca di Riva del Garda e specializzata in storia della cucina e cultura gastronomica del Rinascimento Italiano, mentre a Lorenzo Simeoni spetterà il compito di presentare l’idea che è stata alla base di un così singolare recupero culinario.

L’occasione si presterà inoltre per far il punto sullo stato del Recioto di Soave, a dodici anni dall’ottenimento della Docg,  sui progressi compiuti dalla denominazione e sulle chance che oggi il Recioto di Soave può avere intermini di appeal e di consumo.

L’incontro, al quale seguirà il banco d’assaggio di tutti i Recioto di Soave, vedrà la partecipazione di Nicola Frasson, curatore per il Veneto della Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso al quale spetterà un intervento di natura tecnica e descrittiva. Modererà l’incontro Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio del Soave.

Ufficio Stampa Consorzio Tutela Vini Soave e Recioto di Soave:
Lucia Vesentini - 328.4961031 – 045.7681578 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.ilsoave.com

 
"4 stelle" per la vendemmia 2009 a Montepulciano Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 19 Febbraio 2010 08:37

Le stelle. Una vendemmia a 4 stelle. E’ questo il giudizio che una commissione tecnica composta da enologi e degustatori ha assegnato all’annata 2009 del Vino Nobile di Montepulciano dopo aver esaminato i campioni prelevati dalle botti nelle quali ha iniziato il suo percorso di invecchiamento. Una valutazione vicina all’eccellenza (il voto più alto è 5 stelle), identica a quella attribuita alla vendemmia 2008 quando, nonostante la sfida con il clima, le uve a Montepulciano avevano reagito bene. 

La cerimonia di assegnazione si è svolta giovedì 18 febbraio, davanti agli oltre 150 giornalisti convenuti da tutto il mondo per conoscere le nuove annate in commercio (il Nobile 2007 e le Riserve 2006, entrambe annate a 5 stelle). «Un’altra grande annata per il nostro vino» - ha affermato il Presidente del Consorzio del Vino Nobile, Federico Carletti. «A Montepulciano i produttori di Vino Nobile hanno ancora una volta saputo dimostrare che saper fare il vino è un’arte: legando questa alla conoscenza e alla tradizione di cui godiamo, il prodotto finale non può che essere di grande qualità e proprio su questa si deve basare il nostro valore aggiunto nei mercati internazionali, sempre più difficili da penetrare. Devo dire che in questi anni siamo riusciti ad abbinare all’eccellenza del prodotto la cultura, la  tradizione, la  qualità della vita della nostra città affinchè i vini possano trasmettere oltre a tutte le emozioni del territorio di origine».

 

L’annata 2009. Deriva da una stagione caratterizzata da un inverno freddo e molto piovoso; infatti, durante i mesi di gennaio e febbraio, le precipitazioni hanno fatto segnare 150 mm di pioggia e si sono registrate temperature molto basse. Il Sangiovese ha raggiunto livelli di maturazione ottimali, in termini di estraibilità del colore e di scomparsa di sentori erbacei, solo a partire dall’ultima decade di settembre, quando il contenuto zuccherino ha toccato livelli medio alti mentre le acidità erano medie o medio basse. Nei giorni successivi questa tendenza si è mantenuta, pertanto i vini ottenuti sono caratterizzati da gradazioni alcoliche alte, acidità al termine delle malo-lattiche medio basse e pH tendenzialmente alti. Il contenuto di polifenoli è medio e i punti di colore anche.

Progetto Fortezza. Presente all’Anteprima il Sindaco di Montepulciano, Andrea Rossi, che nel salutare i presenti ha ricordato l’importanza del forte legame che intercorre tra il mondo dei produttori di Vino Nobile e l’Amministrazione stessa. «Non è un caso che proprio da poco siano partiti i lavori di restauro di un’importante opera monumentale di Montepulciano, la Fortezza, che proprio grazie a questa collaborazione è stata resa possibile in tempi ancora più brevi del previsto». L’intervento della Fortezza ha un costo complessivo di circa 700.000 Euro, di cui 300.000 a carico del Consorzio, e si dovrebbe concludere entro l’anno. Al termine dei lavori la zona ristrutturata sarà destinata a sede espositiva, a luogo di attività congressuali e potrebbe ospitare già nel 2011 una nuova edizione dell’Anteprima.

  

 

Il mercato. Nonostante la crisi dei mercati internazionali nel 2009 sono state immesse in commercio oltre 11milioni di bottiglie tra Nobile e Rosso di Montepulciano. Per il Nobile l’estero rappresenta la percentuale più alta delle destinazioni con il 68% delle bottiglie vendute mentre il 32% è stato destinato al mercato nazionale con Toscana (circa 40 per cento) e Lombardia (circa il 15%) come regioni capofila. L’export in particolare si rivolge ai paesi europei (circa il 70% della quota), dove Germania (28 per cento), e Svizzera (26%) restano i principali mercati, ma crescono le quote destinate a Gran Bretagna (5% nel 2009) e paesi nordici. Si riconferma in forte crescita anche il mercato Usa che nel 2009 ha assorbito il 18% delle esportazioni segnando un +8 per cento rispetto all’anno precedente. Continua la conquista anche per i mercati emergenti dove il Nobile esporta circa il 15% del prodotto in particolare nei paesi asiatici (10 per cento). Il vino a Montepulciano muove una forza lavoro importante considerando che sono oltre mille gli addetti del settore. Oltre a questi vanno considerati gli stagionali e l’indotto generato dal vino (una stima parla del 70% dell’economia mossa dal settore vitivinicolo). Il valore patrimoniale dei vigneti è stimato intorno ai 200milioni di euro mentre il valore della produzione si aggira sui 60milioni di euro all’anno.

Il disciplinare. Tra le principali novità emerse durante l’Anteprima, quella della presentazione da parte del Consorzio della modifica dei disciplinari del Nobile DOCG e del Rosso di Montepulciano DOC. Nel giugno 2008 era stata avviata la procedura di modifica anche del disciplinare del Vin Santo di Montepulciano DOC. Attualmente le pratiche sono all’esame del Comitato Nazionale Vini. Tra le modifiche sostanziali emerge quella della base ampelografica: la percentuale di Sangiovese (denominato a Montepulciano Prugnolo Gentile) rimane invariata (min. 70%, max 100%); aumenta dal 20 al 30% la percentuale utilizzabile dei vitigni complementari (tra cui il Canaiolo) mentre diminuisce dal 10% al 5% (in cinque anni) la percentuale di uve a bacca bianca. Inoltre viene introdotto il controllo da parte degli organi preposti sulle partite che lasciano la zona come “sfuso”.

Anteprima, un grande successo. Anche per quest’anno l’Anteprima del Vino Nobile, giunta alla sedicesima edizione ed organizzata con il supporto della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte nel Palanobile, imponente struttura montata in Piazza Grande, ha fatto segnare un vero e proprio record di presenze. Oltre 2.000 sono stati gli operatori professionali che, nella due giorni loro riservata, sono arrivati a Montepulciano provenienti da tutta Italia.

Si sono confermati particolarmente funzionali i pacchetti di ospitalità predisposti dalla Strada del Vino Nobile che ha anche organizzato il concorso riservato alle più belle vetrine a tema vinicolo della città. Tra le novità importanti la collaborazione la Fondazione Musei Senesi, con il Comune e, per la parte organizzativa, con la Pro Loco che ha consentito di aprire per la prima volta ai produttori le sale del Museo Civico – Pinacoteca Crociani. I banchi d’assaggio delle aziende partecipanti all’Anteprima sono stati infatti situati nei tre piani del museo di Montepulciano, tra pitture, sculture, reperti archeologici e altre opere d’arte, nel segno di quella omogeneità ed interazione che a Montepulciano rappresentano la regola.

 

 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Tutte le news




































































































Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.