Home news News
News dal mondo del vino - Go Wine
Istituito consorzio di tutela ‘Moscato di Siracusa’ Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 11 Dicembre 2009 16:47

Il Moscato di Siracusa Doc sarà affidato al consorzio di tutela omonimo “Moscato di Siracusa”, che si occuperà della commercializzazione e della valorizzazione del prodotto.
Il 5 e il 6 dicembre il vino è stato presentato all’Antico mercato, dove è stato offerto dagli stessi produttori ad un prezzo simbolico, con il supporto di assaggiatori professionisti che ne hanno spiegato le qualità.

Seguirà, l’11 dicembre, a palazzo Impellizzeri, la presentazione alla stampa del progetto consortile, alla presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Michele Cimino, del sindaco di Siracusa, Roberto Visentin e del direttore regionale dell’Istituto della Vite e del Vino, Leonardo Agueci, e dei produttori del moscato.

"Nell’ambito dell’attività della rete regionale Consorzi di tutela dei prodotti certificati Dop, Igp e Doc - ha detto l’assessore all’Agricoltura, Michele Cimino - l’assessorato ha accompagnato nel percorso di aggregazione i produttori fino alla costituzione del Consorzio. Un percorso che stiamo cercando di estendere a tutte le filiere che producono agroalimentare di qualità e sono capaci di esprimere, come nel caso del Moscato che rappresenta una tradizione vitivinicola antichissima, tutta l’identità della nostra isola”.

 

 
Brindisi italiano motivo d'orgoglio Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 11 Dicembre 2009 14:15

“È importante e non così scontato che un ministro valorizzi con tenacia le nostre produzioni d’eccellenza; l’invito di Zaia a brindare con le bollicine italiane durante le festività è un segnale estremamente apprezzato da tutta l’imprenditoria vitivinicola”. Questo il commento del presidente dell’Unione Italiana Vini, Andrea Sartori, alla recente richiesta di Luca Zaia rivolta alle principali televisioni e radio italiane di scegliere per il tradizionale brindisi di fine anno i nostri spumanti, “uno dei prodotti simbolo dei territori e di tutta l’agricoltura italiana”. Il ministro intende regalare alle varie emittenti bottiglie etichettate con il logo del ministero delle Politiche agricole e il nome dell’iniziativa: “Spumante italiano”.

Quella del ministro, sottolinea Sartori, non è soltanto un’azione che può aiutare la nostra vitivinicoltura, oggi in parte coinvolta nella crisi economica generale, ma è soprattutto riconoscere a un comparto strategico del nostro Paese, quello vitivinicolo, la sua indiscussa distintività che è certamente motivo d’orgoglio. Un orgoglio dettato anche dai numeri: con un saldo positivo di 2,2 miliardi di euro ad agosto 2009 si riconferma infatti non solo una delle poche voci dell’agroalimentare in attivo, ma soprattutto quella che guida la classifica”.

Le bollicine italiane rappresentano oggi un giro di affari superiore a 460 milioni di euro, con un sensibile incremento delle esportazioni nei primi nove mesi del 2009 (+14% rispetto a settembre 2008), mentre il mercato nazionale evidenzia una situazione stazionaria (-2% sia in volume che in valore).

 

 
Mille metri quadrati di mostra Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 04 Dicembre 2009 16:20

Storiæ d’Italia, Gualtiero Marchesi e la Grande Cucina Italiana, programmata tra il 15 marzo e il 15 maggio del 2010, sarà una mostra grande anche nello spazio a elle, ricavato all’interno del Castello Sforzesco di Milano.
Mille metri quadrati in cui mettere in scena la storia di un cuoco che non ha mai separato la vita dalla carriera. Marchesi ha, anzi, mescolato il più possibile ciò che amava con ciò che andava facendo. Un esempio su tutti è la musica che da passione familiare è entrata, attraverso le famose sette pennellate, equivalenti alle sette note, nella costruzione e nella presentazione dei menu.

Nella sua parte statica, la mostra affronterà come un viaggio il cammino del cuoco. In questo caso, non si tratta di una metafora banale, perché Marchesi non ha mai puntato ad una cucina ricercata, ma alla ricerca in cucina.
Il che significa uniformare la propria condotta su alcuni principi certi, inderogabili, gli stessi che guidano lo svolgimento del percorso espositivo.
In primo luogo, la conoscenza delle tecniche e degli strumenti che nulla vale se non si riconosce nel rispetto della materia., usata nelle preparazioni.
Un rispetto che è la diretta conseguenza dell’amore per i frutti della natura., riconoscibili solo se si mostra un vero interesse per i territori abitati dagli uomini, dagli animali e dalle piante, caratterizzati da tradizioni e consuetudini che insieme creano un senso di appartenenza.

Nella sua parte dinamica, la mostra muta in di-mostrazione, offrendo accanto all’icona e al discorso sulla cucina anche la liturgia, i gesti che le sono propri.
In particolare, i visitatori potranno rendersi conto dal vivo quali siano i diversi tagli di carne, presentati e nominati correttamente, oltre a capire in che modo si esegue un trancio, rispettando la disposizione delle fibre.
La stessa esperienza sarà ripetuta anche per il tonno. Un altro argomento pratico riguarda le erbe di campo con tutte le informazioni utili per riconoscerle e cucinarle. Non mancherà, infine, il complesso tema degli abbinamenti tra cibo e vino.

Via vittorio emanule 23, ErbuscoTel +39 0307760562
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  www.marchesi.it
Ufficio stampa: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Tel. +39 3356347230

 
A Marsala il "Festival Di.. Vino" Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Dicembre 2009 16:27

Città del vino, per storia e tradizione, Marsala ospiterà un evento, unico nel suo genere in Sicilia, che dal 4 all'8 dicembre 2009 vedrà l’alternarsi di interessanti momenti intorno al vino. Il “Festival Di…Vino”, di Marsala, offrirà un week end dell’Immacolata diverso, curioso e interessante che vedrà insieme storia e cultura, festa e divertimento, sport, musica, degustazioni e approfondimenti sul mondo del vino. 

All’evento parteciperanno giornalisti da tutto il mondo, buyers internazionali e tutti quelli che vorranno visitare il territorio approfittando delle diverse offerte promozionali turistiche che le agenzie di viaggio metteranno a disposizione per dare a tutti un’occasione imperdibile. Il ricchissimo programma di appuntamenti prevede momenti di incontro, convegni con la partecipazione di esperti e tecnici del settore. Si andrà, poi, alla scoperta della città, dei posti più belli, con apposite visite ai siti di particolare rilevanza archeologica, fra cui anche l’isola di Mozia.

Lo sport rappresenterà uno dei contenuti fondamentali della manifestazione con competizioni, come l’originale maratona a staffetta, con pit stop a base di vino. Non mancheranno degustazioni di tipicità, con l’allestimento di un apposito villaggio, né momenti di intrattenimento all’insegna della musica e dello spettacolo. Una vetrina unica per parlare di territorio, tradizioni, storia, cultura, turismo e commercio della Sicilia.

 
Alla corte di Sua Maestà il vino passito Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 26 Novembre 2009 09:06

Per tutti gli eno-appassionati un appuntamento da non perdere: sabato 28 e domenica 29 novembre, andrà in scena infatti il ‘Gran Palio della Signoria dei Bentivoglio’ dedicato ai vini passiti, a Zola Predosa (BO), uno dei 540 Comuni a vocazione vinicola aderenti all’Associazione Nazionale Città del Vino e alla Strada dei Vini e dei Sapori. A ospitare la rassegna enologica sarà la prestigiosa Villa Edvige Garagnani, edificio borghese della seconda metà del 1700.
La migliore produzione di settore, con degustazione libera di tutti i vini partecipanti - l’anno scorso più di 400, oltre 500 per quella a venire - a 15 euro a persona, con bicchiere e tasca porta bicchiere in omaggio e assaggi di Parmigiano Reggiano dop, formaggio di fossa e panspeziale.

Una lavorazione paziente e accurata, quella del vino passito, che gli organizzatori dell’Accademia della Muffa Nobile hanno pensato di sottolineare e approfondire con un momento d’informazione enologica. Fissata per sabato 28, alle ore 15.00, la tavola rotonda per affrontare temi legati alla produzione di vini passiti attraverso le testimonianze di quattro noti produttori. Stefano Mancinelli, titolare dell’omonima azienda agricola, tratterà le forme di appassimento delle uve, mentre la fermentazione nei vini passiti sarà il tema relazionato da Stefano Pizzamiglio, produttore vinicolo dell’azienda agricola ‘la Tosa’. Raffaele Boscaini della nota Cantina Masi parlerà invece delle tecnologie produttive dell’Amarone e del Recioto, con cenni alla commercializzazione. A concludere il convegno, l’intervento di Maria Cristina Geminiani della Fattoria Zerbina, che tratterà del connubio d’eccellenza tra Albana e muffa nobile.

La rassegna enologica darà l’opportunità ai partecipanti di scoprire i sensi dionisiaci e le suggestioni al palato offerte dalle degustazioni di specialità emiliano-romagnole come Parmigiano Reggiano dop – in collaborazione con il Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano - e panspeziale, il tipico dolce del Natale bolognese.
Tra i graditi omaggi distribuiti, inoltre, anche il pregiato formaggio di fossa, delle colline di Sogliano al Rubicone, recentemente patrocinato da Co.Pro.Fo.S. (Consorzio Produttori Formaggi Stagionati). Per gli amanti del dolce presenti anche i maestri della Compagnia del Cioccolato che daranno vita a una serie di degustazioni guidate con alcune tra le più celebri tavolette e praline del mondo.

Anche per questa terza edizione si rinnova inoltre la partnership con uno dei produttori della tradizione gastronomica regionale, l’azienda agricola F.lli Caretti che presenterà una selezione di salumi caratteristici del bolognese e perle del settore caseario come lo straordinario formaggio a pasta dura barricato in vinacce di Amarone.  

Per info su come iscriversi al Concorso Internazionale di Vini Passiti, visitare www.muffanobile.it e www.concorsovinipassiti.it, tel/fax: +39 051 754198, e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Ai cultori del buon vino, sommelier, appassionati e neofiti, invece, basterà aspettare l’ultima settimana di novembre.

 

Ufficio Stampa
Sicomunica per il Gran Palio della Signoria dei Bentivoglio 2009
Matteo Barboni – 3496172546

Giulia Losengo – 3275318 060
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Tel.  +39 051 58 73 998
www.sicomunica.com

 

 
<< Inizio < Prec. 111 112 113 114 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Tutte le news




































































































Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.